Macchina del tempo Narrativa Rubriche

16 Luglio 1952: Il giovane Holden

on
December 20, 2018

The catcher in the rye: è questo il titolo originale che Salinger ha scelto per il suo romanzo.

Il titolo fuorviante, una copertina bianca e una trama pressoché inesistente sono gli elementi caratterizzanti di un romanzo che ha segnato la letteratura americana contemporanea.
Il romanzo segue le vicende del protagonista, Holden Caufield, un giovane un po’ ribelle e scansafatiche che, espulso dalla scuola, gironzola per New York per tre giorni in attesa di tornare a casa e dare la notizia ai genitori.
Tre giorni in cui Holden capisce cosa vuole veramente dalla vita e trova quella che ad un primo sguardo sembra la sua strada, ma che in realtà non è nulla di diverso dalla vita che ha compiuto fino a quel momento. Dalle frasi smozzicate di Holden e da epiteti ricorrenti (es: “vattelapesca” nella traduzione italiana) cogliamo una critica velata alla società americana, in cui Holden non si riconosce e da cui vuole fuggire. Una società che non ha nulla di diverso da quella attuale, in cui le problematiche sono le stesse di oggi e vengono affrontate da un diciassettenne allo stesso modo: con il rifiuto e con la fuga.
Il titolo originale deriva da una poesia dello scozzese Burns:

Comin’ Through the Rye
Gin a body meet a body
Coming thro’ the rye,
Gin a body kiss a body
Need a body cry?

La poesia narra di un uomo che, sull’orlo di un precipizio, impedisce ai bambini che giocano nel campo di segale di caderci. Infatti The catcher in the rye in italiano si può tradurre con “Il prenditore/ l’acchiappatore nella segale”. E Holden dichiara che lui vorrebbe diventare come quell’uomo. Tuttavia, se si analizza più a fondo il titolo, è possibile cogliere il vero messaggio:The catcher è anche un ruolo di giocatore nel baseball; Rye è un tipo di whiskey fatto con la segale. Pertanto Holden desidera diventare un uomo che salvi gli adolescenti che rischiano di cadere nel baratro dell’alcol e della depressione.In italiano il titolo è intraducibile, perciò i traduttori hanno deciso di puntare su un altro gioco di parole: l’ossimoro della parola giovane e della parola Holden (riconducibile all’inglese old). Il titolo simboleggia quindi la fase di transizione da giovane ad adulto di Holden.

Michela Bianco

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT