Macchina del tempo Narrativa Rubriche

21 Settembre 1937: Lo Hobbit

on
December 23, 2018

“In un buco sotto terra viveva un Hobbit”.

Con queste parole J. R. R. Tolkien, un professore di letteratura inglese di Oxford, da inizio ad un capolavoro che non ha età, “Lo Hobbit” o “la riconquista del tesoro”.
L’opera è considerata uno dei capi saldi della letteratura fantasy, sebbene questa nacque in realtà a cavallo dei secoli XIX e XX, ed è stata oltre che oggetto di premi ed onoreficenze, fonte di ispirazione per altri autori del settore come George R. R. Martin, (celebre creatore della saga “Game of Thrones”), definito ultimamente “il Tolkien d’America” dal Time Magazine.
Secondo la leggenda l’autore diede inizio al libro in circostanze singolari: in un pomeriggio estivo, durante la correzione di compiti di letteratura inglese, uno degli esaminandi aveva lasciato la prova in bianco; il professore annoiato prese il foglio, lo girò e scrisse, apparentemente a caso, la celebre frase con cui inizia lo Hobbit (riportata all’inizio). 

A più riprese il racconto è stato definito come una favola per bambini, addirittura la più bella favola per bambini mai scritta fino ad allora, in realtà però, se ci si ferma ad analizzare l’opera, questa risulta molto più profonda e critica di quanto possa sembrare ad un primo impatto, tanto che dopo una profonda analisi si può paragonare (con i giusti criteri ed i giusti paramenti) l’avventura del protagonista, 

Bilbo Baggins a quella di Dante nel suo viaggio ultraterreno. Non è infatti un caso che Tolkien prenda come fonte di ispirazione non soltanto i classici della letteratura e della mitologia nordica come Beowolf o la stirpe del Nibelungo, ma elementi indotti dal suo profondo credo nel cristianesimo cattolico d’ispirazione agostiniana e antimodernista. 

Insieme agli altri racconti di Tolkien, “il Silmarillion” e ” Il Signore degli Anelli”, “lo Hobbit” ha riscosso un successo straordinario, tanto che ancor prima della sua trasposizione cinematografica da parte di Peter Jackson nel 2012, il romanzo è entrato nell’olimpo dei 20 libri più venduti di sempre (secondo le stime della BBC al 2008 le copie vendute erano oltre 100 milioni).
Tutto ebbe inizio un il primo giorno di autunno alla fine degli anni ’30, era il 21-09-1937 ,”lo Hobbit” veniva pubblicato per la prima volta.

Nicolò Zanardi

Immagini: Pinterest.it

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT