Macchina del tempo Rubriche

23 Gennaio 1932 – Orizzontali: 1. La data di nascita della Settimana Enigmistica

on
January 23, 2019

La popolare rivista di parole crociate compie oggi 87 anni, dopo aver accompagnato ininterrottamente generazioni di italiani nei luoghi più disparati: dall’interminabile viaggio in treno alle ore di relax in spiaggia sotto l’ombrellone. La Settimana Enigmistica fu pubblicata per la prima volta il 23 gennaio 1932, grazie a una felice intuizione di Giorgio Sisini, che andò a riempire un buco nell’offerta editoriale italiana. L’idea del nobile sardo fu determinata dalla sua passione per l’enigmistica che, già in voga oltreoceano e in alcune città europee, sbarcò anche in Italia. La prima copertina presentava un riquadro enigmistico dove veniva ricostruito con le caselle nere il volto dell’attrice messicana Lupe Vélez. La rivista, per quanto sia rimasta molto simile all’originale, ha sempre cercato di rimanere al passo con i tempi, utilizzando leggeri ritocchi grafici e introducendo nuovi rompicapi. Inoltre la Settimana Enigmistica può vantare una longeva striscia di pubblicazioni, con un solo caso di uscita ritardata: quella del 14 luglio 1945, posticipata di due settimane per motivi bellici. Ma il pregio maggiore della rivista sono sicuramente i passatempi contenuti in essa, che comprendono parole crociate, rebus, indovinelli, rubriche di curiosità e le immancabili vignette satiriche. E voi, avete mai provato l’ebrezza di finire un “Bartezzaghi” senza aiuti?

La redazione di Ignotus Magazine vuole dedicare questo post a Mario Bortolato, in arte “Bort”, vignettista della Settimana Enigmistica che purtroppo è venuto a mancare pochi giorni fa.

Jacopo Giovannini

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT