Musica

Intervista a Tommy Carlsson, cantante e bassista dei Frankley Everlong

on
February 12, 2019

Come sono nati i Frankley Everlong? Il nome ha un significato particolare?

E’ cominciato tutto un giorno con un’idea che mi è balzata alla testa: formare una band punk e chiamarla Frankley Everlong. Quindi non c’è un significato particolare per il nome della band, ho pensato che suonasse bene, così ho mandato un messaggio al mio amico Stefan (ex bassista) per chiedergli di mttere su una band punk e lui ha semplicemente risposto “Sì!”. Da lì è cominciato tutto

Anche se affermate di non voler imitare nessun’altra band, vi ispirate inconsciamente a qualche band o artista?

Sì certo, se non fosse per la musica non saremmo una band giusto? Le band che mi hanno spinto a voler iniziare il progetto dei Frankley e a suonare il tipo di musica che facciamo sono Ladytron, Michale Graves dell’era dei Misfits, The Crimson Ghost, Alkaline Trio e uno dei miei album preferiti di Marilyn Manson “Mechanical Animals”. Anche i Rush mi hanno ispirato molto.

Scrivete prima la melodia o i testi?

Per prima cosa sempre la melodia, la scrivo con l’aiuto della tastiera e poi provo ad adattare le parole. Scrivere la melodia non è niente di difficile, ma faccio sempre fatica con i testi. Quindi mi viene naturale iniziare con la melodia perchè è più facile.

Chi scrive i testi?

Io, cioè Tommy, scrivo i testi.

Che cosa pensi dell’attuale scena punk rock in Europa e nel resto del mondo?

Penso che ci siano poche band che emergono e mantengono alto lo standard. Penso che gli Anti Flag siano una band molto importante nella scena punk rock con i loro testi politicamente carichi, il loro attivismo, i diritti umani e così via. E’ come se ti dessero un pugno in faccia, li amo! L’ultimo album degli Alkaline Trio “Is this thing cursed” è un capolavoro! Anche i Mean Jeans sono un’ottima band punk rock e penso che i jingles che hanno scritto per diverse compagnie siano una delle cose più divertenti di sempre. E ovviamente i Bad Religion compongono ancora della fantastica musica punk. Michale Graves registra ancora e fa tour, è fantastico!

Andrete in tour per promuovere “Till The Dance Do Us Part?”

Proprio in questo momento stiamo pianificando un tour, speriamo di ottenere 5 milioni di concerti per diffondere l’amore!

Vi piacerebbe suonare in Italia?

Certo! Ho suonato in Italia con una delle mie ex band circa 10 anni fa e l’Italia è rimasta con me, sarebbe terribilmente bello! C’è qualcosa di speciale in Italia, che mi è rimasto dentro.

Quali sono i vostri piani per il futuro?

Continueremo a promuovere il nostro ultimo album “Till The Dance Do Us Part” e a fare concerti. Diffondere il messaggio dei Frankley Everlong in ogni modo possibile e speriamo di far sorridere le persone! Speriamo di rimanere in circolazione per sempre!

Vi piacerebbe scrivere una canzone o un album di un altro genere?

Assolutamente, nel corso degli anni ho scritto musica di molti generi diversi come Death Metal, Black Metal, Power Metal, Groove Metal e Heavy Metal. Ho scritto anche un album synth, musica d’ambiente per le mostre d’arte, musica classica, musica country, grindcore e musica per la chitarra classica. Ho sempre voluto scrivere un album di hip hop di vecchia scuola o reggae, è qualcosa che non ho mai fatto e sarebbe molto bello, sempre che non faccia schifo (ride)

Se avessi l’opportunità, con chi scriveresti una canzone?

Ci sono molti artisti e sicuramente sono tutti dei migliori parolieri di me, mi crogiolo nella loro gloria! (ride) Michael Jackson, nessuno può negare che fosse un talento meraviglioso. Tom Delonge degli Angels and Airwaves, è proprio fico! Nergal dei Behemoth, è molto bravo in quello che fa. E Brad Paisley, mi prenderebbe a calci nel c*** come se fosse una raccolta di polli, sarebbe pazzesco!

Roberta Rustico

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT