Macchina del tempo

27 Febbraio 1996: Pokémon Rosso e Verde

on
February 27, 2019

Chi tra di noi non ha giocato, o meglio avuto che fare con i mostriciattoli tascabili almeno una volta nella sua vita? Probabilmente nessuno, specialmente se il pubblico a cui mi riferisco è nato dagli anni ’80 in poi.

La stragrande maggioranza delle persone è convinta che i Pokémon siano venuti furi dalla serie animata, molto popolare in Italia dalla seconda metà degli anni ’90 in poi. La realtà è che questo enorme brand, che oggi conosciamo, è nato a partire dalla creazione di videogiochi. I mostriciattoli tascabili nascono in Giappone, dalla mente di Satoshi Tajiri, un ragazzo che per hobby aveva quello di collezionare insetti. Ed è proprio da questo punto di partenza, il collezionare insetti, che Tajiri partorì l’idea di creare un videogioco dove il fattore collezionistico fosse preponderante ed essenziale per completare il gioco.

(le copertine originali dei due giochi usciti nel 1996)

Quest’idea embrionale si sviluppò e mutò nel corso degli anni. Effettivamente nella mente di Tajiri le modalità di gameplay variarono nel corso dei sei anni di sviluppo che precedettero l’uscita delle leggendarie cartucce per Game Boy. Il progetto della creazione del videogioco partì dalla softwere house Game Freak, fondata nel 1989 dai due amici Satoshi Tajiri e Ken Sugimori. L’idea della collezione si mischiò ad altre meccaniche di gioco come l’allevamento, il commercio (che poi si trasformerà in cattura), la lotta e l’evoluzione dei mostriciattoli tascabili. Sebbene oggi ci appaia come un monolite, il mondo dei Pokémon ha subito enormi variazioni ed accorgimenti, perfino il nome cambiò più volte prima della definitiva denominazione, infatti originariamente il nome previsto era Capsule Monsters, poi cambiato in favore di Poket Monsters.

Durante gli anni dello sviluppo lo stesso ideatore fu pervaso dai dubbi derivanti dal fatto che la tecnologia del Game Boy fosse superata dalla più moderna tecnologia del CD-ROM, ma Nintendo decise comunque di scommettere sul lavoro dei ragazzi di Game Freak. L’uscita dei giochi Pokémon Versione Rossa e Versione Verde venne accompagnata da un successo tanto grande quanto inaspettato, le vendite furono elevatissime tanto che aumentarono perfino gli acquisti dello stesso Game Boy, sebbene come console fosse già stato superato da altre piattaforme. Un altro grande slancio venne dato inoltre dalla possibilità di interazione tra due giocatori tramite il cavo Link, che permetteva di scambiare i mostriciattoli e di sfidare altri giocatori.

Il gioco prevedeva delle semplicità che tutt’oggi vengono riprese per la creazione delle nuove versioni: la cattura e l’allenamento dei vari Pokémon, il battere le palestre (o comunque superare determinate prove) per ricevere le famose medaglie, le quali una volta ottenute permettevano di confrontarsi con i migliori allenatori del gioco, ovvero la Lega Pokémon. Nel mentre il giocatore aveva anche il compito di battere il Team malvagio, per salvare la regione dal pericolo che questi rappresenta. Oltre a questo sicuramente una delle cose che ha affascinato (e tuttora affascina) parecchi giocatori è il fatto che ogni creatura tascabile poteva ricollegarsi a miti, leggende folcloristiche e particolarità regionali di molte culture del nostro mondo.

Ad oggi Pokémon resta uno dei franchising più famosi e riconosciuti al mondo, non solo per i videogiochi ma anche per serie animate, lungometraggi, giochi di carte, figurine, ecc.

Per quanto riguarda il panorama videoludico conta migliaia di giocatori su tutto il pianeta, con tanto di campionati internazionali, che si svolgono annualmente. La popolarità dei Poket Monsters ha anche portato gli stessi sulla copertina del “Time Magazine”.

Tajiri, Sugimori e i loro collaboratori hanno creato un mondo che è in continua evoluzione e di cui si scoprono pezzi mano a mano che passano gli anni. Oggi, 27-02-2019, tramite il “Nintendo Direct” verranno, probabilmente, annunciati i nuovi titoli della saga (l’ottava generazione), proprio nel giorno del ventitreesimo compleanno dei Pokémon, un bel regalo per tutti i fan e videogiocatori. Si, il 27-02-1996 uscivano in Giappone Pokémon versione Rossa e Pokémon versione Verde, i primi leggendari titoli di gioco.

Nicolò Zanardi

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT