Libreria

Imperium (Robert Harris)

on
July 21, 2019

Sono molti i romanzi storici ambientati al tempo della grande Roma, ma pochi sono quelli in grado di ricostruire con accuratezza il succedersi degli avvenimenti storici. Uno di questi è “Imperium”, di Robert Harris che, in poco più di 300 pagine, riesce a fornire un ritratto approfondito di Marco Tullio Cicerone, mostrandoci il suo volto non solo politico ma soprattutto privato. Portavoce delle sue vicende è il segretario Tirone, che lo accompagna fedelmente nelle sue imprese e narra la vita di Cicerone dal principio, ovvero da quando decise di addentrarsi nel mondo della politica e della giustizia. Un mondo che -come ben sappiamo- riuscì a far emergere la sua abilità nel pronunciare orazioni e filippiche.
Il romanzo è il primo di una trilogia riguardante la vita di Cicerone, inizia con le orazioni contro Verre (le famose Verrine, che gli diedero notorietà nella Repubblica) e si conclude nel 63 a.C., anno in cui Cicerone fu nominato console. Gli altri due romanzi della trilogia sono “Conspirata” (riguardante principalmente la congiura di Catilina) e “Dictator” (basato sugli anni della gloria e infine della morte di Cicerone).
Lontano dai lunghi testi scritti da Cicerone in persona, riguardanti filosofia, politica e storia, che ci mostrano Cicerone come un uomo superbo, trionfante e perfettamente inserito negli ambienti della Res Publica, “Imperium” getta una luce nuova sulla figura di Cicerone, mostrandoci il suo lato umano, le sue debolezze e soprattutto il suo io più interiore.

di Michela Bianco

vive a Torino dove studia Scienze della Mediazione Linguistica. Da sempre appassionata di narrativa e scrittura creativa, incuriosita e stimolata alla cultura dall’ambiente in cui è cresciuta, ha partecipato a numerosi concorsi letterari italiani e a corsi di scrittura, e attualmente sta seguendo la pubblicazione del suo primo romanzo.

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT