Curiosità

20 Novembre: Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

on
November 19, 2019

Ogni anno, a partire dal 1989, si celebrano i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e gli sforzi per difenderli. La

Greta Thunberg

Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è un documento strutturato da 54 articoli che stabiliscono che tutti i bambini e tutte le bambine hanno diritti civili, sociali ed economici. La Convenzione si fonda su quattro principi fondamentali, come riportato da www.unicef.it:

  1. Non discriminare: i diritti sono garantiti ai minori senza distinzione di sesso, razza, religione.
  2. L’interesse del minore è la priorità di ogni iniziativa, legge e situazione critica.
  3. Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo: gli Stati devono indirizzare un impegno maggiore nel permettere e tutelare la vita e lo sviluppo dei bambini anche attraverso la cooperazione tra Paesi.
  4. Ascolto del parere dei minori: è un diritto dei bambini essere ascoltati rispetto alle situazioni che li riguardano.

Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi

Purtroppo, non sempre questi diritti sono stati rispettati. Nel 2015, infatti, UNICEF Italia ha proposto una petizione chiamata “Indigniamoci!” che evidenzia dati sconcertanti sulle condizioni precarie di milioni di bambini che vivono in condizioni critiche e di guerra, specialmente in Iraq, Yemen, Sudan, Nigeria, Camerun e Ciad.
Il Fatto Quotidiano invece, sottolinea i numeri dei minori non accompagnati sbarcati in Italia nel 2018, la maggior parte ha tra i 16 e i 17 anni, ma ci sono minori in fasce d’età più sensibili e critiche che riportano profondi traumi e le cui testimonianze sono agghiaccianti.
Un’ulteriore testimonianza rispetto alle condizioni dei minori in Yemen è il documentario di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi, di cui allego il video e che ognuno di noi dovrebbe vedere per aprire gli occhi su una realtà che non è poi così lontana da noi.

https://www.la7.it/propagandalive/video/propagandayemen-il-reportage-integrale-di-francesca-mannocchi-e-alessio-romenzi-05-10-2019-285780

Tuttavia, sarebbe ingiusto non sottolineare quanto i minori, spesso inascoltati e ritenuti “troppo piccoli” per le questioni da grandi, offrano un punto di vista differente, fresco e innovativo rispetto a questioni di fondamentale importanza che spesso “i grandi” ignorano.

Isra Hirsi

Si pensi a Greta Thunberg che ha saputo portare nelle piazze del mondo milioni di giovani pronti a combattere per il pianeta. Ciò che invece mette tristezza è proprio la tendenza a sminuire il problema da parte di alcuni adulti con molto potere, l’additare Greta Thunberg come un fenomeno da baraccone, quando invece fa ciò che dovrebbero fare coloro che governano il mondo.
Come Greta, altri giovani si sono mossi per l’ambiente, come Isra Hirsi 16enne americana che si occupa dell’influenza del riscaldamento globale sulle popolazioni.
Si pensi all’iniziatrice dell’attivismo giovanile Malala che quando ha cominciato a battersi per l’educazione delle bambine aveva solo 14 anni.

Malala

Infine, bisogna concentrarsi un attimo sulla necessità di istituire questa giornata; da un lato sì, è necessario celebrare e sottolineare quanto siano importanti i diritti dei minori, ma dall’altro la domanda che viene spontanea è: ci serve un promemoria per ricordare che anche i più piccoli hanno dei diritti? Non è abbastanza ovvio? Evidentemente no.
Le nuove generazioni possono dare un enorme contributo al futuro perché riescono a vedere dettagli che i grandi non hanno più tempo di tenere in considerazione.
Permettiamo loro di dare opinioni, di fornirci informazioni, di avere un futuro dignitoso e di avere speranza, senza basarci solo sul fatto che sono “troppo piccoli” per capire, perché a volte sono i grandi a non capire niente.

Sitografia
https://www.unicef.it/doc/599/convenzione-diritti-infanzia-adolescenza.htm (consultato il 12.11.2019)
https://www.unicef.it/print/6521/unicef-lancia-petizione-indigniamoci-per-minori-migranti-e-rifugiati.htm (consultato il 12.11.2019)
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/14/migranti-il-dossier-sui-minori-non-accompagnati-sono-piu-di-18mila-il-15-degli-arrivi-nel-2018-testimonianze-terribili/4426556/ (consultato il 12.11.2019)
https://www.vogue.it/news/article/greta-thunberg-giovani-attivisti-cambiamento-climatico-pianeta-terra
(consultato il 13.11.2019)
http://www.zimbio.com/photos/Francesca+Mannocchi/Alessio+Romenzi (consultato il 19.11.2019)
https://www.theceomagazine.com/business/philanthropy/how-to-change-the-world-lessons-from-nobel-peace-prize-laureate-malala-yousafzai/ (consultato il 19.11.2019)
https://www.theatlantic.com/science/archive/2019/09/why-greta-wins/598612/ (consultato il 19.11.2019)

 

Alessandra Sansò

Laureata Triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l’Università degli Studi di Genova con una tesi dal titolo “Perizia psichiatrica e pericolosità sociale”. Attualmente è iscritta al Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità presso lo stesso Ateneo.

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT