Geologia

Il mistero delle pietre mobili

on
January 31, 2020

Uno dei misteri più interessanti del Parco Nazionale della Valle della Morte in California (USA) sono le rocce scorrevoli del Racetrack Playa. Queste rocce si trovano sul pavimento della playa con lunghe piste alle loro spalle. In qualche modo queste rocce scivolano, tagliando un solco nel sedimento mentre si muovono. Racetrack Playa è il letto del lago che è quasi perfettamente piatto e quasi sempre asciutto. È lungo circa 4Km da nord a sud e circa 2Km di larghezza da est a ovest. La superficie è ricoperta da fessure di fango e il sedimento è costituito principalmente da limo e argilla.

Il clima in questa zona è arido, piove solo un paio di centimetri all’anno. Tuttavia, quando piove, le ripide montagne che circondano Racetrack Playa producono una grande quantità di deflusso che converte il pavimento in un ampio lago poco profondo che potrebbe essere di pochi centimetri nel punto più basso. Quando sono bagnati, i sedimenti superficiali del si trasformano in un fango molto morbido e molto scivoloso. Quando il fango si asciuga, si formano crepe di fango che in genere coprono il fondo.

La forma dei sentieri dietro le rocce suggerisce che si muovono durante i periodi in cui il pavimento di Racetrack Playa è coperto da un fango molto morbido. La mancanza di fango disturbato attorno ai sentieri di roccia elimina la possibilità che un essere umano o animale spinga o assista il movimento delle rocce.

I venti dominanti che soffiano attraverso Racetrack Playa soffiano da sud-ovest a nord-est. La maggior parte dei sentieri di roccia sono paralleli a questa direzione. Questa è una prova evidente che il vento potrebbe essere la forza che muove le rocce o è almeno coinvolto nel movimento delle rocce. Originariamente si pensava che forti raffiche di vento o “venti di forza dell’uragano” spingessero le rocce in movimento. Si pensava che ciò accadesse quando il fondo era molto bagnato, subito dopo una pioggia che trasformava la superficie del fondo in un fango scivoloso. Una volta che una roccia ha iniziato a muoversi, un vento di velocità molto più bassa poteva tenerlo in movimento mentre scivolava attraverso il fango morbido e molto scivoloso. Le curve nei sentieri rocciosi sono state spiegate da cambiamenti nella direzione del vento o come il vento ha interagito con una roccia di forma irregolare. Il problema con il vento che muove le rocce è che molte rocce pesano diversi chili e sono incastonate di qualche centimetro nel fango del fondo. È improbabile che solo il vento possa spostare queste grandi rocce.

A volte più rocce vicine hanno percorsi che sembrano simultaneamente cambiare direzione. Questi sentieri altamente congruenti su più rocce supportano fortemente la teoria delle “rocce che si muovono grazie al vento incastonate in una calotta di ghiaccio”, il lago occasionale che copre la superficie di Racetrack Playa raramente si congela, coprendo il fondo con un sottile strato di ghiaccio che galleggia su un sottile strato di acqua. Nel novembre 2013 quando il lago profondo circa tre pollici ha coperto il fondo e si è ghiacciato, i ricercatori hanno poi osservato molte rocce incastonate nel ghiaccio che si muovevano lentamente attraverso il fondo in diverse date tra dicembre 2013 e gennaio 2014. Questa evidenza delle rocce in movimento è stata condivisa in un video dall’Istituto di oceanografia Scripps. Nel febbraio 2014 il lago si era prosciugato e sulla superficie dei sedimenti di fondo si potevano vedere nuove tracce lasciate dalle rocce recentemente spostate. Alcune rocce erano state dotate di un piccolo registratore GPS e i loro registri indicano che alcune rocce si erano mosse. Fu così che gli scienziati provarono le cause di queste tracce.

Articolo di Dinesh Kunalan

Diplomato superiore come “Tecnico Superiore esperto di costruzioni in ambito portuale, costiero, fluviale e lacustre” presso l’Accademia Italiana Marina Mercantile di Genova, con una tesi su “Analisi Morfodinamica del Torrente Vobbia” in collaborazione con gli uffici della Città Metropolitana di Genova (ex Provincia).

Attualmente iscritto al terzo anno del Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche presso l’Università degli Studi di Genova.

 

Fonti ed iconografia:

  • Google Earth
  • https://img.travelawaits.com/filter:centercrop/quill/2/6/1/f/a/d/261fadd218ea29813cf2d6385a47e5ee046c4987.jpg?w=800&h=800
  • https://www.youtube.com/watch?v=89-AFHieDpM
  • https://www.youtube.com/watch?v=uyHcs7B27Zk
  • https://img.travelawaits.com/filter:scale/quill/b/7/e/3/0/9/b7e3094ac22f5635538e80c0913a6fa5b38625eb.jpg?mw=800
  • http://www.sci-news.com/physics/science-death-valley-sailing-stones-02148.html
  • http://cdn.sci-news.com/images/2014/09/image_2148_1-Death-Valley-Sailing-Stones.jpg

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT