Soundcheck

Aretha Franklin – Respect

on
July 19, 2020

“Respect” è uno dei brani più conosciuti della straordinaria Aretha Franklin, venuta tra l’altro a mancare recentemente, nell’agosto del 2018.

Le note spudorate, quasi intimidatorie, sostenute da un incalzante sound R&B sono state originariamente composte dal cantante statunitense Otis Redding. Era il 1967 quando il produttore Jerry Wexler intuì il potenziale successo della canzone e la propose ad Aretha. Il giorno di san Valentino dello stesso anno Aretha Franklin incise la sua versione, accompagnata dalle coriste sorelle Carolyn e Erma.

Aretha Franklin riempì quelle note di una carica formidabile, recanti una protesta che non solo chiedeva giustizia per i neri discriminati ma anche il riconoscimento dei diritti dovuti alle donne. Grazie al suo grido soul, unico ed indistinguibile, la cantante intona un rispetto che la riguarda ma che si estende ad ogni vita umana in generale; il coraggio di esibire un brano dai toni provocatori, sebbene non presuntuosi, di fronte ad un pubblico americano spesso sordo dinnanzi alle gravi ingiustizie che ammalavano il paese, hanno portato “Respect” alla notorietà, e a diventare inno che ancora oggi possiamo suonare. Battaglie per la giustizia che artisti e artiste hanno iniziato, ci riguardano e devono essere portate avanti, con la stessa passione, sagacia e musica che donne come Aretha ci hanno insegnato.

Recensione di Annalisa Mazzolari

Laureata alla triennale di Filosofia presso l’Università degli studi di Trento, prosegue con il biennio magistrale a Milano. Oltre alla filosofia coltiva la passione per la musica: diplomata all’ottavo anno di pianoforte presso il Conservatorio di Brescia e in canto lirico presso il Conservatorio di Bergamo.

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT