Soundcheck

Bennie And the Jets – Elton John

on
January 23, 2021

Tra i singoli più celebri dell’artista britannico Sir Elton John, Bennie and The Jets viene pubblicata nell’album Goodbye Yellow Brick Road, rilasciato nell’ottobre del 1973.

Il brano è particolare in diversi sensi, primo tra tutti il fatto di essere stato registrato in studio come se fosse in realtà stato eseguito durante una performance live.

Il pezzo si apre ripetendo un tema espresso con un accordo martellato e insistente; il produttore Gus Dudgeon, per dare il senso del live, aggiunse in post produzione dei fischi e applausi reali presi da un concerto registrato di Jimi Hendrix.

Elton, col suo tocco pianistico e falsetto tipico dei lavori più giovanili, descrive un concerto della band immaginaria Bennie and The Jets, raccontato da una fan alle amiche Ronnie e Candy.

Il cantante vedeva nel suo immaginario una band “proto-fantascientifica”, dove la leader è rappresentata da una figura femminile androgina e stravagante, Bennie.

Caratteristica ineguagliabile della canzone è il suo incalzante groove, realizzato con una perfezione quasi inimitabile dallo stesso Elton John ai propri concerti. Il pezzo venne registrato allo Chateau d’Hérouville in Francia e dopo l’uscita raggiunse quasi immediatamente il primo posto nella Hot 100, oltre ad ottenere il primo posto nella classifica dei dischi black a Detroit (tanto era funky il suo sound).

Testo

Hey kids, shake it loose together

The spotlight’s hitting something

That’s been known to change the weather

We’ll kill the fatted calf tonight, so stick around

You’re gonna hear electric music

Solid walls of sound

Say, Candy and Ronnie, have you seen them yet?

Ooh, but they’re so spaced out, B-B-B-Bennie and the Jets

Oh but they’re weird and they’re wonderful

Oh, Bennie she’s really keen

She’s got electric boots, a mohair suit

You know I read it in a magazine, ohh-oh

B-B-B-Bennie and the Jets

Hey kids, plug into the faithless

Maybe they’re blinded

But Bennie makes them ageless

We shall survive, let us take ourselves along

Where we fight our parents out in the streets

To find who’s right and who’s wrong

Oh, Candy and Ronnie, have you seen them yet?

Oh, but they’re so spaced out, B-B-B-Bennie and the Jets

Oh, they’re so weird and they’re wonderful

Oh, Bennie she’s really keen

She’s got electric boots, a mohair suit

You know I read it in a magazine, ohh-oh

B-B-B-Bennie and the Jets

Oh, Candy and Ronnie, have you seen them yet?

Oh, but they’re so spaced out, B-B-B-Bennie and the Jets

Oh, but they’re weird and they’re wonderful

Oh, Bennie she’s really keen

She’s got electric boots, a mohair suit

You know I read it in a magazine, ohh-oh

B-B-B-Bennie and the Jets

Bennie, Bennie and the Jets

Bennie, Bennie, Bennie, Bennie and the Jets

Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie and the Jets

Bennie, Bennie, Bennie, Bennie and the Jets

Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie and the Jets

Jets, Jets

Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie, Bennie

Bennie, Bennie and the Jets

Recensione di Annalisa Mazzolari

Laureata alla triennale di Filosofia presso l’Università degli studi di Trento, prosegue con il biennio magistrale a Milano. Oltre alla filosofia coltiva la passione per la musica: diplomata all’ottavo anno di pianoforte presso il Conservatorio di Brescia e in canto lirico presso il Conservatorio di Bergamo.

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT